title

CORTINA D’ AMPEZZO

 
Home » TREKKING IN DOLOMITI » CORTINA D’ AMPEZZO

Cortina d’ Ampezzo in tre giorni: un itinerario vario e piacevole

Per gli amanti del trekking, ma anche del buon cibo e dell’accoglienza calorosa. Si può scoprire Cortina d’Ampezzo anche così: camminando lungo alcuni dei sentieri più belli della valle, mangiando ottimi piatti locali e dormendo in magnifici rifugi dai panorami straordinari.

croda da lago -ampezzoLe possibilità di trekking a Cortina d’ Ampezzo sono molte, ma questo è particolarmente interessante perché vario e molto panoramico, si sviluppa attorno a montagne famose, fotografate e filmate ogni anno da migliaia di escursionisti, scalatori e sciatori.

Un trekking che attraversa millenni di storia degli uomini che hanno frequentato la valle di Cortina d’Ampezzo. Si passa dalla sepoltura dell’uomo di Mondeval, attraverso i confini fra un Impero ed una Repubblica, si visiteranno i luoghi delle vicende della prima guerra mondiale, per finire con alcuni famosi sfondi a pellicole hollywoodiane e di cinecittà.

Un trekking che tocca rocce di epoche geologiche assai diverse: dalle prime scogliere coralline, alle rocce vulcaniche, alla dolomia principale. Ed infine un assaggio dei risultati dell’ultima era glaciale: erosioni, morene e marocche.

Un trekking appena fuori dalla Cortina mondana, che ci porterà a scoprire la presenza di forme di vita risalenti a 220 milioni di anni fa: insieme cercheremo fossili ed impronte di dinosauro, e passeremo sulle terre dove pochi anni fa è stata trovata l’ambra fossile (scarica documentazione), la quale ha conservato al suo interno un dittero e due specie di acari, come il Triasacarus fedelei (prende il nome da un ricercatore locale).

La prima tappa attraversa l’altopiano di Mondeval, verdi pascoli noti per la famosa ed importante sepoltura Mesolitica.
Il secondo giorno si esplora la zona dell’Averau e delle Cinque Torri, teatro delle vicende della Prima Guerra Mondiale, dove potremo visitare dei baraccamenti e percorrere trincee per capire com’era la vita 100 anni fa sulle montagne di Cortina d’Ampezzo.
L’ultimo giorno si lascia la zona del Lagazuoi, anch’esso importante sito con testimonianze della prima guerra mondiale, per transitare ai piedi dei 1.000 metri di dolomia della Tofana di Rozes.

Dettagli itinerario

Giorno 1

8,5   CHILOMETRI
+600 m   DISLIVELLO SALITA
-200 m   DISLIVELLO DISCESA

Giorno 2

7   CHILOMETRI
+350 m   DISLIVELLO SALITA
-500 m   DISLIVELLO DISCESA

Giorno 3

7   CHILOMETRI
+150 m   DISLIVELLO SALITA
-600 m   DISLIVELLO DISCESA
QUANDO – Estate ed Autunno. Se non c’è neve, ogni giorno è quello giusto.

PERCHÈ

  • Patrimonio dell’Umanità UNESCO per la geologia ed il paesaggio – sistema 1 e 5
  • Parco Naturale delle Dolomiti d’Ampezzo
  • Geologia
  • Storia e archeologia
  • Grande Guerra

IMPEGNO – OO Medio

COSA PORTARE – Guarda la pagina dedicata all’equipaggiamento.

NOTA
Giorno 1 – possibilità di accorciare il percorso con servizio navetta
Giorno 2 – salita a Rifugio Lagazuoi con la funivia
Giorno 3 – possibilità accorciare il percorso